Settimana Europea della Dislessia

Vi proponiamo una riflessione itinerante per guardare il mondo con gli occhi curiosi di una persona dislessica.

Dal 5 al 9 ottobre 2015 andiamo nelle scuole Trentine, il 10 e l’11 vi aspettiamo al MUSE e in seguito in questo spazio digitale in cui attivare un processo concreto e sostenibile di collaborazione che coinvolga cittadine e cittadini, insegnanti e studenti, istituzioni e volontariato.

La dislessia è una condizione neurobiologica ed ereditaria che rende più complessa la lettura. Le statistiche italiane indicano un’incidenza di circa il 3% nella scuola primaria e secondaria.

Le persone dislessiche sono intelligenti quanto le altre e c’è chi crede che molti personaggi famosi, fra cui Agatha Christie, Leonardo da Vinci, Albert Einstein e Pablo Picasso, fossero dislessici.

Indipendentemente dal loro talento personale, alunne e alunni dislessici sono svantaggiati in un sistema scolastico, come quello italiano, ancora fortemente basato sulla lettura e sulla scrittura.

Le difficoltà pratiche, psicologiche e sociali sono molteplici e possono essere aff­rontate da un processo consapevole e partecipato in cui attori diversi contribuiscano con le proprie esperienze e conoscenze.

Il progetto nasce e prende forma dall’incontro fra due gruppi di ricerca dell’Università degli Studi di Trento: il laboratorio interAction (Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione) e il laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione (ODFLAB) del Dipartimento di Scienze Cognitive.

Abbiamo combinato competenze di esperti di disturbi specifici dell'apprendimento e innovazione sociale in un processo che ha coinvolto genitori, insegnanti e istituzioni, usando la tecnologia come materiale fluido per favorire riflessione e dibattito, aff­rontare le difficoltà legate alla dislessia e raff­orzare le competenze di tutti.


 

Programma.

 

Nelle scuole dalle 14.00 alle 20.00 (dalle ore 14.00 alle 18.00 - laboratori con alunni e insegnanti, mentre è aperto a tutti dalle ore 16.30 alle 20.00 - tecnologie e materiale informativo).
 

5 ottobre

Istituto Comprensivo Rovereto Sud, Scuola Primaria A. Rosmini, Via dei Fossi, n° 24, Marco (Rovereto).

  • Relatrici: prof.ssa Paola Venuti  (Università di Trento), dott.ssa Antonia Dallapè (Provincia Autonoma di Trento) e  dott.ssa La Femina Floriana (Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari).

6 ottobre

Istituto Comprensivo Riva del Garda 2:

  • Docenti: Scuola Secondaria di primo grado S. Sighele - Piazza Maria Contini 8 - 38066 Riva del Garda (TN).
  • Alunni e genitori: Scuola Primaria Amelia Zadra, Largo Caduti Delle Foibe 3, 38066, Riva del Garda (TN).

7 ottobre

Istituto Comprensivo Bernardo Clesio, Via Chini, n° 31, 38023, Cles (TN).

  • Relatrici: dott.ssa Antonella Ammirati (Università di Trento), dott.ssa Daniela Tonelli (Provincia Autonoma di Trento) e dott.ssa Emanuela Contardo (Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari).

8 ottobre

Istituto Comprensivo Levico Terme, Via della Pace n° 5, 38056 (TN).

  • Relatrici: dott.ssa Veronica Tranquillini (Università di Trento), dott.ssa Daniela Tonelli (Provincia Autonoma di Trento) e  dott.ssa Rossana Marino (Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari).

9 ottobre

Istituto Comprensivo Trento 6, Scuola primaria Aldo Schmid, via A. Schmid, n° 4, 38122 (TN).

 

Nota: dalle 18.30  alle 20.00,  solo a Rovereto, Cles e Levico Terme esperti di disturbi specifici di apprendimento (D.S.A.) incontreranno i genitori.

 

Al MUSE dal 10 all’11 ottobre dalle 10.30 alle 16.00 con laboratori interattivi per: conoscere, giocare e suonare.

Al MUSE la riflessione si articola metaforicamente e fisicamente sui 3 piani dell’edificio. Le attività che proponiamo combinano dimostrazioni tecnologiche, attività laboratoriali e poster informativi.

Spazio per Conoscere - Università di Trento, FBK, Erickson

Il tema è aff­rontato in modo giocoso, ma scientificamente rigoroso, concentrandosi sui punti di forza delle persone dislessiche quali creatività, pensiero critico, abilità di costruzione e intelligenza emozionale. In questa spazio, potete confrontarvi con esperti, interagire con i risultati della ricerca informatica, provare alcuni strumenti compensativi disponibili sul mercato e proporre nuovi modi di azione collettiva.

Spazio per Giocare - interAction Lab, ODFLab - Università di Trento

Recenti ricerche neuropsicologiche hanno dimostrato l’efficacia di strumenti informatici per l’esercizio cognitivo in diversi ambiti di apprendimento, quali comprensione, calcolo, scrittura e lettura. Questi strumenti però spesso presentano il limite di essere noiosi. Per questo abbiamo creato insieme a 60 alunni e alunne (9-12 anni) Skies of Manawak, un videogioco in cui gli esercizi sono integrati nella trama avvincente di un viaggio nella fantasia. Venite a provarlo e aiutateci a migliorarlo.

Spazio per Suonare -  Laboratorio di Robotica e Tecnologie dell’Apprendimento - Università di Siena

In questo piccolo teatro potete provare S’n’S (Sound and Sensors), un sistema di strumenti musicali progettato per coloro che, pur non avendo conoscenze in campo musicale, abbiano voglia di approcciarsi alla musica in maniera fisica ed innovativa. Il sistema è stato sperimentato per il trattamento della dislessia, attraverso un’attività coinvolgente basata sulla musica rap.

 


Locandina e brochure.